Cinepanettoni, una piaga natalizia tutta italiana

Written by on dicembre 20, 2018

Il meglio del peggio della comicità italiana.

Siamo ormai giunti a Natale e come ogni Natale dobbiamo sorbirci una sequela di film scadenti a tema natalizio. “Una poltrona per due”, “Mamma ho perso….. (inserire al posto dei puntini uno dei film della serie)”, “Una promessa è una promessa” e così via. Ma c’è di peggio. i CINEPANETTONI. Non sarebbe Natale senza i nostri amati (odiati) cinepanettoni. Come ogni anno, quindi, ecco in arrivo un nuovo membro al club. E’ infatti in uscita “Amici come prima”, film in cui possiamo godere del ritorno del duo “comico” per eccellenza di questa categoria: Boldi e De Sica.

Ma perché limitarci a una sola pellicola quando possiamo fare l’en plein e parlare di tutti i film in poche righe? Infatti per la vostra e la mia gioia non ci freneremo. Tutto iniziò nel lontano 1983 quando il produttore cinematografico Aurelio De Laurentiis commissionò ai fratelli Carlo ed Enrico Vanzina una pellicola da far uscire durante le vacanze natalizie. Dopo ben due mesi di riprese, montaggio e “postproduzione” nacque “Vacanze di Natale“. Gli interpreti più importanti furono Jerry Calà e Christian De Sica. E Massimo? Massimo arriva dopo. Precisamente con l’uscita di “Pompieri” ed è qui che i due capiscono che tra di loro è nato qualcosa di più grande di una semplice collaborazione. Infatti i due ci delizieranno con i loro sketch comici per oltre 30 anni.

Alla “regia” e alla “sceneggiatura” si intervalleranno Neri Parenti, i Vanzina ed Enrico Oldoini. Il loro lavoro è impeccabile, al limite del divino. Le loro scelte stilistiche e narrative rimarranno nell’immaginario collettivo e influenzeranno tutte le produzioni internazionali più importanti di sempre.

I cast sono formati da attori eccellenti che si integrano perfettamente con il duo cardine del filone: Enzo Salvi, Michelle Hunziker, Elisabetta Canalis, Paolo Ruffini e tanti altri. Nei cinepanettoni troviamo anche attori internazionali come: Cindy Crawford, Danny DeVito, Carmen Electra e Leslie Nielsen.

Dire che questi film sono brutti e non divertenti sarebbe limitativo.

Sono indecenti, superficiali, monotoni, privi di contenuti, banali, sopravvalutati e neanche lontanamente comici. La comicità si basa solo su squallide battute, doppi sensi e pessimi fraintendimenti. Un altro punto forte è Massimo Boldi che con le sue pernacchie e suoi finti infarti ci attanaglia in una morsa di noia che ad ogni battuta stringe di più.

Non sono belli e non fanno ridere, quindi perché spendere dei soldi per guardarli? Se qualcuno dovesse conoscere la risposta mi scriva in privato.

Seri mai, superficiali sempre. (Ma non come i cinepanettoni)

Per riascoltare la puntata visita la nostra pagina Spreaker e il nostro canale YouTube.

 


Current track
Title
Artist

Background