Bird Box, non aprire gli occhi

Written by on gennaio 20, 2019

Il nuovo thriller con Sandra Bullock.

Da quasi un mese è uscito sulla piattaforma di Netflix Bird Box. Diamo subito dei numeri. 45 milioni di visualizzazioni nei primi 7 giorni, 80 milioni nel primo mese di uscita. Sembra poco? Beh non lo è. Almeno per una piattaforma di streaming. Bird Box non ha fatto notizia solo per per la mole di persone che lo hanno visto ma anche per una challenge che consiste nell’emulare alcune scene del film o di fare qualcosa di più pericoloso. L’account di Netflix ha chiesto di fermare questa stupida e pericolosa sfida e di non emulare le scene del film.

Ma per quale motivo dovrebbe essere tanto pericoloso emulare le scene di questo film? Partiamo con il dire che Bird Box è un thriller/horror basato sull’omonimo romanzo di Josh Malerman. Il film si può dividere in due parti.

La prima parte si sviluppa negli Stati Uniti dove la nostra protagonista Malorie, interpretata da Sandra Bullock, attende un bambino. Sulla via del ritorno, insieme alla sorella, sente alla radio di una strana epidemia che spinge le persone a togliersi la vita. Ma non si tratta di una malattia. La sorella di Malorie vede qualcosa e fa sbandare l’auto provocando un incidente. La sorella scende dalla macchina e si suicida (non vi dirò come) sotto gli occhi della sorella. Malorie cerca di scappare. Una signora la vede e prova a soccorrerla ma farà la stessa fine della sorella. Malorie si rifugia in una casa e insieme a dei sopravvissuti, compreso il marito della donna che ha tentato di aiutarla, Greg, interpretato da John Malkovich. Tra i due ci sarà sempre molto astio con Greg che fa pesare a Malorie la morte della moglie.

Altro personaggio molto importante è Tom, ex militare, interpretato da Trevante Rhodes, che stabilirà un particolare legame con la protagonista. Il gruppo riesce a capire che c’è qualcosa fuori che se visto spinge le persone a suicidarsi. Volutamente non vi dirò altro su questa parte per non rovinarvi la visione.

La seconda parte del film si svolge 5 anni dopo gli orrori iniziali e troviamo Malorie con due bambini. I tre si trovano su una barca bendati cercando di seguire il fiume. questa parte è quella che mi è piaciuta di più perché più avventurosa e coinvolgente. Anche di questa parte non posso dirvi molto per non rovinarvi l’esperienza quindi mi fermerò qui.

Alla regia troviamo la danese Susanne Bier che ha nella sua bacheca un Oscar, un Golden Globe ed un European Film Award. Alla sceneggiatura c’è Eric Heisserer che voglio ricordare solo per Arrival.

il cast è perfetto anche se i personaggi sono un po’ stereotipati. Di per se non è un brutto film, anzi, si lascia guardare e non è per niente pesante. È un buon film da guardare con gli amici per passare una serata ma non aspettatevi un capolavoro imperdibile.

Per riascoltare la puntata visita il profilo Spreaker o il canale YouTube di Seriology.


Current track
Title
Artist

Background