Bandersnatch, diventare parte della storia

Written by on gennaio 10, 2019

Da semplici spettatori a direttori della trama

Da qualche giorno è uscito in esclusiva sulla piattaforma streaming Netflix il nuovo spin-off della serie di Black Mirror: Bandersnatch.

Per chi non conoscesse Black Mirror si tratta di una serie tv antologica drammatica dove il filo conduttore è la tecnologia. Verranno create situazioni dove nuove o vecchie tecnologie hanno cambiato (di solito in peggio) la vita delle persone. Alla fine dell’episodio ti viene voglia di buttare via tutti i device tecnologici in tuo possesso e andare a vivere da eremita nel posto meno accessibile sulla faccia della Terra. A parte questo è un’ottima serie che vale davvero la pena di guardare. Ora che abbiamo fatto questa piccola introduzione sull’andazzo della serie possiamo parlare del film.

Bandersnatch è il primo film interattivo distribuito da Netflix. Ma in che senso interattivo? Durante tutto il film dovremo prendere delle decisioni che indirizzeranno la trama verso vari finali. Ci sono 5 finali principali e moltissime combinazioni possibili. Come avrete ben capito il film non parla di unicorni, coniglietti e altri animali che saltano allegri nelle praterie della gioia e della felicità.

Ci troviamo a metà degli anni ’80 e un giovane programmatore, Stefan Butler, deve presentare la demo del suo gioco, Bandersnatch, presso la software-house Tuckersoft. Già dai primi minuti inizieranno le scelte importanti: Frosties o Sugar Puffs? Le nostre scelte saranno importantissime per il proseguimento della storia. Il film potrebbe durare solo 15 minuti o anche 90. Ma non disperate, si potrà tornare indietro e ripetere la scelta desiderata nel caso non siate soddisfatti del finale. Non posso dirvi molto altro della trama perché non vorrei rovinarvi l’esperienza. Quindi mi fermerò qui.

Il nostro protagonista è stato interpretato da Fionn Whitehead, conosciuto per aver recitato in Dunkirk. Un altro nome importante è quello di Will Poulter che interpreta il famoso e acclamato programmatore Colin Ritman.

I cast di Black Mirror sono sempre stati tra i migliori per quanto riguarda le serie tv e il film non fa eccezione. Gli attori sono bravi a dare voce e volto ai personaggi recitando in maniera naturale facendoti apprezzare al meglio il film.

È però arrivato il momento di tirare le somme. Fondamentalmente la trama non è male. Alcune linee narrative sono banali e già viste mentre altre sono più coinvolgenti e ben strutturate. Per il poco che si può vedere anche i personaggi sono ben caratterizzati. Vale quanto detto in precedenza della trama: alcuni sono meglio altri peggio. Considerato che è rivolto ad un pubblico più grande della serie tv non è un brutto film, anzi è perfettamente godibile ma non aspettatevi un capolavoro da farvi scoppiare la testa.

Seri mai, superficiali sempre.

Seriology è in onda ogni Lunedì dalle h 20 alle h 21.

Per riascoltare la puntata vai sul nostro profilo Spreaker o sul nostro canale YouTube.

 


Current track
Title
Artist

Background