Conny Ochs – la sintesi tra il Doom Metal e Folk americano, il 23 febbraio al Circolo Gagarin

Written by on febbraio 12, 2019

Conosciamo Conny Hocs, l’artista tedesco che il 23 febbraio salirà sul palco del Circolo Gagarin insieme ai Frana.

Il 23 febbraio, approda al Circolo Gagarin di Busto Arsizio, Conny Ochs il songwriter tedesco diventato l’anello di congiunzione tra il Doom e il Folk americano. Un evento da non perdere, che vedrà la partecipazione anche dei milanesi Frana come opening act.

Originario di Halle (Saale) in Germania, Conny Ochs inizia la sua carriera all’età di 15 anni, cantando per la band del liceo In June. Dopo quella prima esperienza, continua il suo percorso come membro di una serie di band di stampo Heavy/Doom, generi che segneranno la sua intera carriera.

La sua vita artistica cambia radicalmente quando entra in contatto per la prima volta con la musica di Woody Guthrie, artista patrimonio della tradizione Folk americana. L’ascolto del maestro dell’Oklaoma, lo porta ad imbracciare la chitarra acustica. Ed è proprio con questo strumento che Conny Ochs inizia a forgiare il suo peculiare sound.

Chi è Connie Hocs? L'artista tedesco tra doom e folck che il 23 febbraio salirà sul palco del Circolo Gagarin insieme ai Frana.

Molto importanti per la sua evoluzione musicale, sono stati anche i texani Townes Van Zandt e Chris Whitley colonne portanti -rispettivamente- dell’alt folk e del blues rock in America, con i quali l’artista è entrato in contatto durante il suo tour con i Z-Joe and the Dustbowlers.

 

 

Il primo decennio dei 2000 è stato per Ochs un periodo di forte ispirazione, in cui è riuscito a delineare gli elementi di un sound unico, perfetto punto di incontro tra il Doom Metal e il Folk acustico di stampo americano.

Nel 2010 pubblica il suo primo album Raw Love Song, all’interno del quale si riconoscono già tutti gli elementi che lo caratterizzano: sound cupo, arrangiamenti minimali composti principalmente da chitarra e voce, attitudine folk e portamento Doom. Un mix unico.

Nello stesso anno comincia la sua collaborazione con Wino (al secolo Scott Weinrich), celeberrimo chitarrista di The Obsessed e Saint Vitus, band capostipiti del Doom Metal. Questa collaborazione porta alla pubblicazione di tre album acustici: Heavy Kingdom e Labour of Love nel 2012, ed in seguito Freedom Conspiracy, nel 2015.

Nel frattempo, Ochs continua con la sua carriera solista, pubblicando altri due album Black Happy nel 2013 e Future Fables nel 2016, nei quali perfeziona sempre di più il suo sound, creandosi sempre di più un’identità unica.

Il 15 febbraio uscirà per Exile on Mainstream il suo nuovo album, Doom Folk, anticipato dal singolo Dark Tower (tributo a Chris Cornell), che ci anticipa un disco che sarà più accessibile dei precedenti, indirizzato più verso un approccio sonico, piuttosto che al suo tipico sound introspettivo e malinconico.

Qui a NeverWas Radio non vediamo l’ora di incontrarlo al Circolo Gagarin sabato 23 febbraio, seconda tappa di un tour che toccherà ben sette città Italiane (Pistoia, Busto Arsizio, Lecco, Savona, Recanati, Treviso e Parma), per poi proseguire per il resto d’Europa.

Noi ci saremo, e voi?

Qui trovi l’evento Facebook ufficiale


Current track
Title
Artist

Background