Umut Adan – Anadolu Psych tra Italia e Turchia

Written by on novembre 14, 2019

Ascolta qui l’Intervista di Under the Bridges a Umut Adan, l’artista turco che rievoca il sound dell’Anadolu Psych, ispirato dai grandi del cantautorato italiano.

Umut Adan è un personaggio stravagante, uno di quelli di cui non capisci veramente la profondità, fino a quando non ci fai una chiacchierata. Un artista a cavallo tra due mondi, la Turchia e l’Italia. Due terre apparentemente distanti, ma che trovano nella musica un legame inedito.

Da una parte c’è il ritorno a un genere musicale che ha sempre ricoperto un’importanza storica e sociale di estremo significato per il popolo turco: l’Anadolu Psych. Ovvero, il sound che ha accompagnato le proteste e i tumulti sociali contro i colpi di stato che hanno segnato la storia della Turchia tra gli anni ’60 e ’80. Dall’altra, invece, c’è l’ispirazione portata dai grandi cantautori della canzone italiana, con i quali Umut è entrato in contatto negli anni in cui studiava scienze politiche in Italia.

umut adan anadolu psych

Un incontro di tradizioni che ha generato un’espressione artistica estremamente densa di significati, che scavalca i confini nazionali e traccia una linea diretta tra l’Italia e la Turchia. Bahar, ultimo disco di Umut Adan, è l’esempio di come l’arte sia slegata dal concetto di “appartenenza” ad un luogo o ad un sistema delineato da specifiche regole, in quanto anche un’idea nata in un determinato contesto, è in grado di viaggiare per chilometri e chilometri per poi concretizzarsi in situazioni totalmente differenti, dando vita a delle forme fluide, in grado di riflettere la complessità dell’espressione del pensiero artistico.

Tra le persone che hanno reso possibile questo incontro troviamo il nostro Marco Fasolo (Jennifer Gentle), il quale, come ci racconta Umut nell’intervista rilasciata ai microfoni di Under the Bridges, ha avuto un ruolo fondamentale nello sviluppo della sua carriera di cantautore. Non da meno è stato il suo apporto nella realizzazione di Bahar, registrato proprio dal produttore italiano nei rinomati Toe Rag Studios di Londra, insieme a Liam Watson (White Stripes, The Kills).

Tutto questo e molto, molto di più nell’intervista a Umut Adan per Under the Bridges. Se ve la siete persa, tranquilli, qui sotto trovato un link con il podcast in cui potrete ascoltare le parole del cantautore turco. E se non è abbastanza, vi raccomandiamo di non mancare alla seconda NeverWas Radio Night di questa stagione sabato 30 novembre al Circolo Gagarin di Busto Asizio. Il cantautore turco presenterà il suo ultimo disco, in apertura uno dei progetti più interessanti del nostro territorio, Garry Pitcairn.

Ci vediamo lì 😉

Ascolta qui l’intervista a Umut Adan per Under the Bridges!


Current track
Title
Artist

Background