Lords of Chaos: black metal oltre la musica

Written by on gennaio 15, 2019

Il 26 Gennaio uscirà Lords Of Chaos, il film sulle origini della controversa scena Black Metal norvegese, proiettato in anteprima italiana al Cinema Massimo di Torino per la V edizione di Seeyousound International Music Film Festival.

Parlare di quello che è stato uno dei movimenti socio-musicali più estremi della storia della storia della musica, sicuramente non è facile. Molte sono le mezze verità e le notizie false che circolano intorno a questa scena e ai suoi protagonisti, tante ancora le ombre su di una storia che lascia spazio a molte interpretazioni.

Fatte queste premesse, chi meglio di Jonas Åkerlund poteva dirigere questa pellicola? L’ex batterista della storica band Bathory, è famoso per aver diretto diversi videoclip di successo per artisti come Lady Gaga, Metallica, Roxette e U2 e per il suo lungometraggio del 2002 Spun.

il 26 gennaio esce lords of chaos il film sulla scena black metal norvegese degli anni 90

Ora il suo talento è impegnato in qualcosa di più complesso e articolato, ovvero ricostruire e portare alla luce le origini di una scena che tanto ha fatto parlare di sè. I membri delle Black Metal bands dei primi anni novanta, infatti, si resero protagonisti di una serie di eventi estremamente controversi (si parla di roghi di chiese, violenza, rituali satanici ed omicidi), che fecero molto parlare di quello che stava succedendo in Norvegia nei primi anni ‘90.

Il film, basato sull’omonimo libro del 1998 scritto da Michael Moynihan e Didrik Søderlind, ruota soprattutto intorno ai Mayhem –band manifesto del Black Metal- e a Dead (Per Yngve Ohlin) e Euronymus (Øystein Aarseth), rispettivamente cantante e chitarrista del gruppo. Il primo, morto suicida a soli 22 anni, viene descritto come un ragazzo malinconico e introverso, ossessionato dalla morte fin da quando -ancora bambino- era stato dichiarato clinicamente morto per alcuni minuti in seguito a un’emorragia interna causata della rottura della milza. La foto del suo cadavere venne poi usata dalla band come copertina per il disco Dawn of the Black Hearts. Il secondo, proprietario del famigerato negozio di dischi Helvete, nonchè fondatore del misterioso Inner Circle of Black Metal, una sorta di “setta” che comprendeva molti dei membri di band storiche per il black metal come Darkthrone, Emperor e Carpathian Forest. Alle attività di questo gruppo vennero ricondotte una serie di omicidi, attività sataniche ed anti-cristiane, come roghi di chiese o la distruzione di altri luoghi di culto. Lo stesso Euronymus, morì per mano di Burzum (al secolo Varg Vikernes, ex bassista dei Mayhem e musicista cardine della scena), che in circostanze ancora non del tutto chiare (probabilmente in seguito ad una discussione), lo pugnalò ripetutamente alla schiena.

dead euronymus

Per quanto rasenti spesso i limiti della realtà, il Black Metal porta con sé però molto più che una serie di caratteristiche stilistiche che lo differenzino da altri generi. Il black metal, infatti, è caratterizzato anche da precise visioni filosofiche (si possono ritrovare spesso riferimenti alla filosofia di Nietzsche, Bakunin e Stirner), pensieri politici (come la sovrapposizione parziale teorica tra l’ideologia anarchica e quella fascista, che parte proprio dall’analisi del pensiero dei filosofi citati) e movimenti sociali che hanno scombussolato non poco la Norvegia di quegli anni.

Tutto questo e molto di più quindi, nella pellicola di Jonas Åkerlund. A lui ora l’arduo compito di rimettere insieme tutti questi tasselli. Aspettiamo trepidanti l’uscita del film e nel frattempo vi lasciamo un paio di ascolti per comprendere meglio le caratteristiche del black metal e soprattutto per prepararvi psicologicamente alla visione del film:

De Mysteriis Dom Sathanas – Mayhem
Transilvanian Hunger – Dark Throne
Hvis Lyset Tar Oss – Burzum
In the Nightside Eclipse – Emperor

Buon ascolto e buona visione.


Current track
Title
Artist

Background