La Sostenibilità inizia dalla Consapevolezza

Written by on novembre 18, 2019

Deforestazione, emissioni e consumi: ecco qualche consiglio per cominciare a fare scelte di vita sostenibili

“Le foreste sono la migliore tecnologia che abbiamo per aumentare l’assorbimento di CO2”, lo dice Giacomo Grassi, uno dei ricercatori esperti del JRC di Ispra, intervenuto venerdì sera durante “Foreste, Clima e l’Impatto dei nostri Cosumi”, l’incontro organizzato dal Comune di Sesto Calende, in collaborazione con CrowdForest e AssociazioneET.

 

Il Problema

Il problema è che il tasso di Deforestazione globale è sempre altissimo e che la maggiore causa di questo fenomeno sono proprio i nostri consumi, il nostro stile di vita e le cose di cui proprio – così pare – non riusciamo a fare a meno. Quindi come si fa? A rigor di logica i fronti sui quali si può lavorare sono due: o aumentiamo la superficie delle foreste o diminuiamo le emissioni.

Infografica a cura di WWF Italia

 

Le soluzioni

E allora? Tutti a piantare alberi? Ha senso? In parte, dice Grassi. La riforestazione deve essere fatta con criterio e deve essere affiancata da un serio programma di gestione del verde già esistente. In più, se è vero che le foreste sono in grado di assorbire la CO2, è vero anche che da sole non possono fare tutto il lavoro. Ecco che quindi diventa fondamentale anche ridurre le emissioni al minimo possibile. Come? Modificando i nostri consumi e abbracciando un modello di vita e sviluppo sostenibile.

 

Quanto siamo consapevoli dei nostri consumi?

Cosa si intende con “consumi” l’ha spiegato bene Serenella Sala, l’altra esperta intervenuta all’incontro. Consumi è tutto quello di cui facciamo uso ogni giorno: dispositivi elettronici, mezzi di trasporto, cibo, abitazioni, prodotti domestici, ecc. Per valutare l’impatto reale che tutti questi consumi generano, è necessario – prosegue Sala – considerare l’intero Ciclo di Vita del prodotto e tutte le risorse che impiega dalla produzione, all’utilizzo, fino allo smaltimento finale. Per fare un esempio pratico: un qualunque ortaggio ha bisogno di acqua e suolo per essere coltivato, di carburante per essere trasportato, di plastica per essere imballato, ecc. E questa è solo una minima parte di un ciclo molto più articolato, lo stesso a cui sono sottoposti anche tutti quei prodotti che non fanno in tempo a diventare “cibo”, perché invenduti o perché compromessi. In una parola: un enorme dispendio di risorse ed energie – che resta immutato anche per lo scarto – e che avviene indisturbatamente in un pianeta (il nostro) in cui circa una persona su 9 soffre la fame.

L’esempio dell’ortaggio, inoltre, non ha nulla di casuale, dal momento che  – spiega ancora la dottoressa Sala – in Europa è proprio la produzione agricola ad avere il maggior impatto sul clima e sul suolo, essendo responsabile del 10% delle emissioni di gas serra, del 90% delle emissioni di ammoniaca e del 50-80% del carico di azoto nei corsi d’acqua.

Infografica a cura di www.thesubmarine.it

Infografica a cura di The Submarine

 

Salute per noi e per il Pianeta

Ma quindi cosa si può fare? Parlando di alimentazione e consapevolezza, la risposta di Sala è rincuorante: Rispetto dell’Ambiente e Salute vanno di pari passo. “Quello che dobbiamo mangiare per restare in salute è esattamente quello che impatta meno sull’ambiente”. Per cui, se non vogliamo cambiare abitudini per il pianeta, possiamo cambiare per noi stessi. Quindi lunga vita ai prodotti di stagione, al chilometro zero e alle filiere corte, stando attenti al consumo della Soia (la cui produzione è la principale responsabile della deforestazione in Amazzonia) e all’Olio di Palma (la cui grande richiesta è alla base della distruzione della biodiversità delle foreste indonesiane).

 

Vuoi qualche consiglio pratico per avere uno stile di vita sostenibile?

Ascolta qui il podcast de L’Ultima Risposta dove abbiamo chiacchierato con Giovanni Montagnani, del progetto CrowdForest, che ci ha raccontato la vita della sua famiglia sostenibile. Al telefono c’era anche Loredana Grimaudo, cantante della band elettro-swing Swingrowers e attivista con il progetto di divulgazione social Why So Trashy?

Ascolta “Consigli per uno Stile di Vita Sostenibile | con Giovanni Montagnani e Loredana Grimaudo” su Spreaker.


Current track
Title
Artist

Background